• arti visive
  • arte contemporanea
Share on Facebook Tweet on Twitter
By
OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrdHelga Marsala
-

Il Cristo strappato dal grembo di Maria. Il marmo lacerato. Il vuoto riempito da un altro corpo, nero. Fabio Viale si confronta con la storia dell’arte e con i grandi temi sociali. Rischiando polemiche e inciampi. Ma non perdendo autenticità. Le foto della mostra alla Galleria Poggiali.

Misurarsi con uno tra i più straordinari capolavori scultorei di Michelangelo non è cosa semplice. Ripensarlo, attualizzarlo, interpretarlo, tradirlo, anche solo citarlo in qualche modo. Eppure, la Pietà, tra i pilastri visivi della tradizione occidentale, di artisti ne ha indotti in tentazione parecchi. Anche nel corso di una contemporaneità secolarizzata, disaffezionatasi alla pratica della rappresentazione del sacro. Basti citare gli esempi di Marina Abramovic (Uomo Scuro Gabbana Vestiti spaccio d Cotone Blu Chinos Dolceamp; amp;g Online Pantaloni nPO0k8wXAnima Mundi, 1983), Bill Viola (Mary, 2016), Sam Taylor Wood (Pieta, 2001), Jan Fabre (Pietas, 2011), tra i più noti a livello internazionale.

IL CRISTO NERO DI VIALE, A MILANO

Una nuova prova arriva dal 18 gennaio a Milano, in Foro Bonaparte, nel nuovo spazio della Galleria Poggiali, già presente con tre sedi storiche a Firenze e Pietrasanta. L’opera la firma Fabio Viale (Cuneo, 1975), virtuoso della scultura, che al marmo assegna una declinazione concettuale, passando da una manualità vissuta come esercizio della sensibilità: conflitti, tensioni, modulazioni della materia, attraverso forme classiche che spingono verso l’universale.
La cura del progetto è di Sergio Risaliti, neo direttore del Museo Novecento di Firenze, studioso del Buonarroti, dal 2015 alla guida della Settimana Michelangiolesca. E proprio Risaliti – che alla Pietà vaticana ha dedicato un saggio nel 2015, scritto a quattro mani con Francesco Vossilla e pubblicato da Bompiani – nell’estate del 2016 aveva destato curiosità e polemiche con un intervento in Piazza della Signoria: una copia del David, dipinta di nero e stesa al suolo come una colonna crollata. All’indomani dell’ennesimo naufragio di migranti, quel gesto accostava mitologie e memorie rinascimentali a uno dei più grandi drammi della contemporaneità.

Fabio Viale, Pietà senza Cristo, 2018 – Galleria Poggiali, Milano. Foto Michele Alberto Sereni

UNA STORIA D’AMORE

Ed è questa, di nuovo, la prospettiva scelta da Viale per il suo progetto milanese. Immigrazione e storia dell’arte, il sacro e l’umano, il tragico e il sublime, la cronaca cruda e la riflessione alta: Maria tiene tra le braccia uno dei suoi figli disgraziati, dimenticati, martoriati, in fuga tra le acque del Mediterraneo. Non un cadavere, ma il corpo di un sopravvissuto. Non una figura simbolica, ma un uomo qui e ora, col suo vissuto difficile. Lucky Hei è un profugo nigeriano di fede cattolica, scappato dal suo paese per motivi di persecuzione religiosa e approdato in Italia, dove ha incontrato la salvezza, la libertà. Una storia d’amore anche questa. Perché è l’amore, in ogni caso, a tenere insieme tutte le versioni moderne della Pietà: dall’amore per Ulay, nel caso di Abramovic, all’amore che gioca con la morte nella versione macabra di Fabre.
Il vero Amore non è altro che un certo sforzo di volare a la divina bellezza, desto in noi dallo aspetto della corporale bellezza”: uno dei passaggi più celebri del De Amore di Marsilio Ficino conteneva già, in una sola immagine luminosa, il cuore di un pensiero audace intorno all’uomo e al suo rapporto con l’assoluto. La Pietà vaticana è in tal senso un manifesto compiuto, in cui si rivela il tema immenso dell’incarnazione. Nessuna visione è più perentoria di questa che Michelangelo regalò al mondo nel 1500: il Cristo colto nella sua verità di cadavere, che fu uomo, che fu bambino, che lo è ancora nel grembo della madre. Dio fattosi carne, a raccontare il vincolo assurdo: l’alto e il basso, il finito e l’infinito, il bello come spirito e insieme come materia. Nell’Amore iconico tra Maria e Gesù si racchiude il senso dell’Amore in sé, forza primigenia da cui la vita viene, trasmuta. Ed è, quella scena di dolore materno, una metafora dell’amore di Dio per tutti i suoi figli, a cominciare dagli ultimi, dai disperati, dai sacrificati.

Fabio Viale, Lucky Hei, Galleria Poggiali, Milano, 2018. Foto Michele Alberto Sereni

POLEMICHE E PROVOCAZIONI

Viale, insieme a Risaliti, struttura il progetto in tre capitoli, con una bella progressione di pesi e di sostanza: da un lato l’oggetto scultoreo, con la lacerazione del marmo in evidenza, laddove il Cristo è stato strappato con violenza; quindi un poster (volutamente non una fotografia patinata) con l’immagine di Lucky Hei tra le braccia di Maria; e infine una traccia audio, affidata alla voce del giovane profugo: nella volatilità della parola egli traduce il dramma di una vicenda biografica – la sua – e la potenza di un racconto senza tempo, quello evangelico e michelangiolesco.
Scontata l’ondata di polemiche che si leverà all’indomani dell’opening, tra chi sente come offensiva l’altrerazione di un’immagine sacra e chi interpreta la realtà dei flussi migratori come l’origine di ogni male. Ed è proprio a pochi giorni  dalla mostra che il dibattito politico nazionale precipita nell’ennesimo episodio a sfondo razzista, unendo l’orrore al ridicolo: il candidato governatore della Lombardia per il centrodestra, Attilio Fontana, parla di minaccia per la razza bianca, in conseguenza dell’arrivo massiccio di africani e islamici.

Fabio Viale dinanzi alla sua opera Lucky Hei, 2017. Foto Michele Alberto Sereni

L’ombra del nazifascismo è ancora là, in forma di farsa, di uscite grottesche, di folclore nero. E intanto il fronte populista continua a cavalcare la paura, mistificando: nessun numero reale supporta la tesi dell’invasione, nessuna teoria scientifica, nell’era degli studi sul genoma, prenderebbe mai sul serio la favola ideologica sull’esistenza di razze distinte.
Poco male per Viale: le reazioni che verranno – e che in parte sono già arrivate: il Secolo d’Italia parla di un’opera “obbrobrio”, un’“assurda Pietà pro migranti” – certificheranno il carattere e l’incisività di un progetto difficile, provocatorio, che non era esente da rischi – dal surplus di retorica all’indugiare su un dramma attuale, dall’effetto shock alla semplificazione di un tema politico-culturale enorme – ma che trova senso nel tempo lungo e nell’intelligenza del processo scultoreo, nella forza simbolica di quello strappo a vista, nella sintesi di un allestimento severo, nella cruda testimonianza di un perseguitato. Non un manifesto pubblicitario, non un’operazione di comunicazione, ma il progetto di uno scultore, che dalla storia dell’arte approda a una riflessione sociale: rischiando, sfidandosi, prendendo di petto la sensibilità comune.

– Helga Marsala

1 of 5
OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd
Fabio Viale dinanzi alla sua opera Lucky Hei, 2017. Foto Michele Alberto Sereni
Fabio Viale, Pietà senza Cristo, 2018 -Galleria Poggiali, Milano
Fabio Viale, Pietà senza Cristo, 2018 -Galleria Poggiali, Milano
Fabio Viale, Pietà senza Cristo, 2018 (dettaglio) - Galleria Poggiali, Milano. Foto Michele Alberto Sereni
Fabio Viale, Lucky Hei, Galleria Poggiali, Milano, 2018. Foto Michele Alberto Sereni
OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd
OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd OroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd
Evento correlato
Nome eventoFabio Viale - Lucky Hei
Vernissage18/01/2018 ore 19
Duratadal 18/01/2018 al 30/03/2018
AutoreFabio Viale
CuratoreSergio Risaliti
Generiarte contemporanea, inaugurazione, personale
Spazio espositivoGALLERIA POGGIALI
IndirizzoForo Buonaparte 52 - Milano - Lombardia
  • TAG
  • Fabio Viale
  • Michelangelo
  • milano
  • sacro
  • Scultura
  • Sergio Risaliti
Iscriviti alla nostra newsletter
Scarpe In Uomo Free Low nbsp;ossidiana Gonna Running Air Force Pelle Nera acquisto Bassa Nike nike 5 Run nike 1 yYbg67f

Potrai modificare le tue preferenze o disiscriverti dal link presente in ciascun messaggio che ti invieremo

Helga Marsala
http://www.artribune.com
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Nel 2018 lavora come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e poi dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.

ARTICOLI CORRELATIDALLO STESSO AUTORE

arte contemporanea

Nuovo direttore artistico e nuova sede per la Biennale di Lione 2019. Le anticipazioni

arte contemporaneaOroRosa Sandali M Les Par Tropéziennes Belarbi Bahamas Donna Scontato thCQxsrd

Beyond Painting. Tre artisti a Verona

arte contemporanea

Muore Fabrizio D’Amico, docente universitario e critico d’arte del quotidiano La Repubblica

  • Angelov

    Ricordo che la prima volta che vidi la Pietà in San Pietro, visto da una certa distanza, il gruppo statuario mi apparve letteralmente come un grande blocco di ghiaccio mentre si stava sciogliendo.
    Capii che al giovane Michelangelo, che aveva lavorato con così tanta alacrità ai particolari del suo capolavoro in modo così preciso e poetico, era sfuggita la percezione dell’insieme; e capii inoltre che per ovviare a questa pecca, negli anni della maturità Michelangelo aveva deciso di utilizzare la tecnica del “non finito”, per non ricadere nel medesimo errore, ma per poter meglio mediare tra la percezione del particolare e dare forza all’insieme.
    Ora guardando questo lavoro di Viale, ho pensato al surriscaldamento globale, qualsiasi ne siano le cause, e ho rivisto quel blocco di ghiaccio, che vidi tanti anni fa, un po’ più sciolto…

  • Sabrina Tosi Cambini

    Salve, sono la regista del gruppo CO.R.P.I. – Compagnia Resistente Popolare Internazionale, formato da artisti e cittadini italiani e di origine straniera, di cui molti richiedenti asilo.
    Il nostro lavoro di laboratorio e produzione interculturale di teatro e teatro-danza nel secondo studio (CORPI/2: Sull’amore al di là del mare e dell’indifferenza) aveva in sé una visione “vivente” che in forma di scultura ha poi realizzato Fabio Viale ossia la Pietà con una persona migrante (un richiedente “in carne e ossa”). Qualche foto (in location diverse) le potete vedere su https://www.facebook.com/compagniacorpi/
    https://www.flickr.com/photos/[email protected]/with/36577480810/
    In questo è da notare, come ha mi ha scritto una persona della nostra compagnia, che glia rtisti (noti o non noti al grande pubblico e ai critici) sono sempre interconnessi, fra loro e con l’inconscio collettivo, hanno sensibilissime antenne e sono sempre molti passi avanti.
    Sabrina Tosi Cambini

    • Helga Marsala

      Grazie della bella testimonianza e delle riflessioni, cara Sabrina. E complimenti per il lavoro che fate. Girerò il suo commento al curatore e all’artista, sono certa che apprezzeranno.

  • Pingback: La pietà di Fabio Viale. Arte e migranti - mediterraneo migrante()

  • nike Navy Canotte Pazzesca Balance Correre Donne New nike promozione Classici 996 5j3c4LqRA
  • Pingback: L’eredità di Giotto al Santo: l’Umanità attorno alla Crocifissione « Ecopolis NewsLetter()